L’INSOSTENIBILITA’ DELL’ACCOGLIENZA

MACERATA: L’INSOSTENIBILITA’ DELL’ACCOGLIENZA

Adriana Zanese

I fatti di Macerata, se mai non lo avessimo capito, provano che la questione immigrazione viene trattata in Italia (da governo e media) con due pesi e due misure. Da un lato il massacro bestiale nelle modalità della ragazza italiana, da parte di un sedicente profugo, spacciatore nigeriano, notizia che ha occupato le prime pagine dei giornali il tempo necessario per riassorbire lo shock; dall’altro, la reazione –comprensibile, sia pure non giustificabile- del cittadino maceratese che col suo gesto estremo ha inteso fare giustizia in un ambiente, quello della cittadina marchigiana, saturo ormai e allarmato da un’immigrazione extracomunitaria che ha oltrepassato per numeri il livello di sicurezza sociale, quella giusta proporzione fra tolleranza dei residenti e preponderanza degli immigrati neri africani; una preponderanza che i cittadini maceratesi hanno denunciato come invasiva e non più sostenibile ai microfoni di Radio Uno Rai, “sono troppi, troppissimi, spacciano la droga qui intorno a noi, senza che possiamo farci nulla, non ci sentiamo più a casa nostra”. La denuncia dei ma-ceratesi, con la notizia più grave della carneficina della diciottenne Pamela per mano del nigeriano è finita presto sottotraccia, per dare risalto alla sparatoria del vendicatore anti-africano. Questa l’Italia del politicamente corretto (cioè governata per procura dai potentati del NordEuropa) dove gli Italiani, non più sovrani, valgono meno delle comunità immigrate, tant’è che, a fronte di una salva di indignazione da parte della sinistra anti-italiana e dei rappresentanti delle istituzioni per la sparatoria sugli africani, nessuna dichiarazione ufficiale di solidarietà si è levata dalle stesse istituzioni verso la famiglia della ragazza italiana trucidata, nessuna parola di condanna per lo smembratore nigeriano.
Perché? Perché gli immigrati, pur assassini, sono intoccabili e perché gli Italiani sono obbligati a prenderseli tutti, e se discutono sono tacciati di razzismo. Questo il ricatto morale di una nazione dove la democrazia, cioè l’autodeterminazione del popolo, è stata sovrapposta dall’umanitarismo dell’accoglienza, il più fasullo e strumentale che si possa immaginare, ma soprattutto traditore degli Italiani. Sicché ormai si potrebbe a ragione dire che l’Italia è una repubblica “non-democratica, fondata sulla disoccupazione e sull’immigrazione”. Il sentimento di essere invasi da stranieri così diversi, cioè incompatibili con noi, non è un’impressione bislacca di gente intollerante o fascista, e i politici di ogni rango che affermano questo sono in malafede e avulsi dal mondo reale. Vuol dire che questi signori della Casta non camminano per le vie delle città, non prendono mai un autobus, non fanno mai la fila in un ufficio dell’anagrafe. Quel che è davvero preoccupante è questa sottovalutazione istituzionale del disagio diffuso tra la popolazione italiana, da nord a sud, è l’indifferenza politica verso gli sbocchi violenti che l’immigrazione obbligatoria, come i vaccini e le tasse, potrà avere nel futuro. E allora hai voglia a tacciare di fascista e razzista milioni di Italiani che rivendicano soltanto il diritto ad essere padroni nel proprio territorio, territorio dal quale sono progressivamente e sensibilmente estromessi da genti di altre culture che ci amano come si può amare un popolo che ci ospita controvoglia, perché non gli abbiamo chiesto il permesso di entrare in casa sua -donne islamiche col velo, neri dell’Africa profonda dove vigono culture tribali dell’oppressione e della forza come fonte di diritto (basti considerare i loro governi perlopiù dittatoriali) e dove l’abbigliamento all’occidentale e il telefonino di ultima generazione coi quali sbarcano sulle nostre coste sono solo una vernice stesa sopra un’anima composta di stratificazioni millenarie, le cui im-plicazioni inquietanti descriveremo più oltre- e se noi europei pensiamo di poter cancellare questa realtà insegnandogli la lingua italiana, francese, etc., siamo proprio dei poveri scemi e ignoranti della storia delle civiltà. E la pagheremo cara. Ce lo illustrano studi dell’Istat e del Censis, i quali prevedono che tra 50 anni noi Italiani saremo minoranza nel nostro Paese. Per Italiani intendendo gente di razza bianca, che esiste, è una verità scientifica (anche se dà fastidio ai circoli politicamente corretti, ovvero ordinovisti che fanno opinione) a meno di non voler imporre, come nello Stato totalitario di Orwell, il concetto che il bianco è nero e il nero è bianco e di sopprimere il raziocinio, la storia dell’umanità per riscriverne un’altra di fantasia, cioè che siamo, noi europei, tutti neri o marroni. Non ancora.
Probabilmente ci arriveranno, ma per il momento io dico che dobbiamo avere la dignità di resistere alla follia di quel che si prepara, cominciando con l’ eliminare le civiltà e le culture (innanzitutto la nostra europea) servendosi dell’immigrazione massiccia, meglio se africana (sono un miliardo e mezzo, un eccellente serbatoio) per instaurare il meticciato: una popolazione europea nera/marrone, e da lì sul pianeta intero (in pochi secoli) al di sopra della quale popolazione miscelata (come nel film Matrix, ricordate?) si ergerà la vera razza integra, cioè non mescolata e dunque superiore, i Figli di Sion, che domineranno in un Superstato Totalitario: questo il piano neo-nazista che si cela dietro il progetto, dichiarato, di Fratellanza Universale, del Nuovo Ordine Mondiale lanciato dalle Elite, per bocca della politica, nel 1945 (si legga il mio saggio “Gli Illuminati di Sion” vol. II, dove un capitolo lo documenta bene). Dunque, che le razze esistano e siano diverse tra loro (ne parla anche la nostra Costituzione) a parte il guardarsi allo specchio, è provato da due secoli di scienza antropologica, etnologica e nel 900 anche bio-genetica. Basti citare qui James Watson, il biochimico scopritore della doppia elica del DNA (premio Nobel 1962 con F. Crik). Non solo le razze sono diverse l’una dall’altra, ma il padre della moderna biogenetica si è spinto sino ad affermare che le persone di razza bianca sono –mediamente- più intelligenti delle altre. E’ razzismo questo? Toglietegli il premio nobel per la bio-chimica. Di più, se la scienza è “razzista”, aboliamola.
Ma il mio assunto è un altro. Chiarito che i popoli europei sono quelli che si sono evoluti in Europa almeno da 3000 anni, fare delle etnie extra-auropee, cioè dei gruppi africani e mediorientali immigrati, delle comunità protette –come vuole e impone l’ideologia del politicamente corretto- è un’operazione profondamente ipocrita, discriminatoria, questa sì razzista, significa mettere questi stranieri sotto tutela come gruppi minorati, sostanzialmente inferiori, de-responsabilizzandoli, come si fa coi bambini, o se preferite con il buon selvaggio degli Illuministi, al quale tutto deve essere perdonato e giustificato perché “diverso”; equivale a considerarli incapaci di intelligenza e di volizione, in una parola offendere la loro dignità di persone. Questo è quello che si fa oggi in Italia nei confronti degli immigrati extracomunitari col renderli “speciali” e intoccabili. E loro lo hanno capito, perché sono intelligenti. Torniamo al massacro della nostra ragazza Pamela, sparito political-correttamente dai notiziari, per lasciar posto (due pesi e due misure) alla indignazione solo verso il suo vendicatore “fascista /razzista” che ha sparato nel mucchio di molte persone “di colore” (cito dai telegiornali) Ecco che cosa ha dichiarato un criminologo nel corso del programma di attualità “Sottoinchiesta” (radio uno rai, venerdì pomeriggio) dove è emerso qualcosa che l’altra informazione ha avuto cura di omettere, e cioè che oltre a smembrarne il cadavere, dopo avere ucciso la ragazza, il nigeriano ne ha asportato i visceri (budella e cuore). Ha spiegato il criminologo che è questo un gesto rituale tipico della cultura tribale woodoo. Se rammento i miei studi di antropologia, nelle culture primitive tribali estrarre le viscere dei nemici, in particolare degli stranieri, e magari gettarli ai corvi (o divorarle) ha un significato di sommo disprezzo e odio per le vittime straniere. Se ne evince che il giudice che giudicherà il massacratore nigeriano (profugo e spacciatore) dovrebbe valutare, oltre all’aggravante del vilipendio della persona, previsto dal nostro codice penale, anche quello di razzismo verso la ragazza bianca. Tutto questo per concludere che, è tempo che la politica, le nostre istituzioni prendano atto che il razzismo crescente, spontaneamente, tra la popolazione italiana –obbligata ad accogliere- (specialmente persone culturalmente incompatibili) non è un fenomeno a senso unico; anche chi viene accolto può odiare chi lo accoglie, perché diverso e incompatibile con lui.

Advertisements
Posted in Uncategorized | Leave a comment

LUNAR CONSPIRACY

UN ROMANZO FANTAPOLITICO, MA NON TANTO…

Lunar Conspiracy
Finis Lunae

In un presente ipotetico, ma non irreale, in Italia
ferve la campagna elettorale per le politiche.
A contendersi il governo, Centrosinistra, Centrodestra e in mezzo il Movimento Tri-Star.
Intanto manovre massoniche, intuibili sotto traccia, hanno il loro punto di ritrovo nel Vengeance, un noto ristorante nella Roma antica ed esoterica, in Campo de’ Fiori. E’ qui che, mentre guarda i mondiali di calcio alla tv, viene assassinato
Beppe M., leader del M-Tristar, dato vincente nei sondaggi.
Il procuratore Sargon, che indaga, trova una pista promettente che lo guida fino a Londra, alle Inns of Court, eredi dei Templari…
La vicenda è soprattutto un affresco della nostra epoca –l’Europa, il mondo-
nel clima da Tramonto d’Occidente che la incombe,
come il pericolo che si annuncia per l’umanità
a partire dalle improvvise anomalie lunari.
Una luna la quale (a metafora) si fa sempre più vicina,

Posted in Uncategorized | Leave a comment

LA COMMISSIONE PARLAMENTARE SU L’AFFAIR MORO – IL GOLPE SULL’ITALIA NEL 1978

L’AFFAIR MORO FU UN GOLPE SULL’ITALIA
NELLA RELAZIONE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE D’INCHIESTA
Dopo quattro anni d’inchiesta, la Commissione parlamentare bicamerale ha illustrato il 13 dicembre alla Camera una relazione illuminante, sia pure non conclusiva, sulle numerose ombre che avvolgevano, e ancora avvolgono, l’affair del rapimento e dell’uccisione di Aldo Moro nel 1978. Grazie a nuovi elementi acquisiti dai molti documenti de-secretati, emerge dalla relazione, e dagli interventi resi in aula dai commissari, un dato essenziale: l’assassinio del presidente della democrazia cristiana fu il primo passo di un complesso ordito complotto internazionale, inteso a destabilizzare l’Italia. Piano riuscito e realizzato progressivamente dal 1978 ad oggi, abbattendo un sistema politico che aveva il perno della stabilità nel maggior partito di massa, la democrazia cristiana (in sano rapporto dialettico con il Pci) e instaurando al suo posto un sistema politico relativistico, e perciò fragile, labile, passibile di subire e farsi prono alle influenze di Poteri Occulti Internazionali. E, va aggiunto, quegli stessi Poteri che, infiltrandosi via via nei gangli delle nostre istituzioni (tramite loro agenti politici mercenari) sono riusciti ad espropriare l’Italia della sua sovranità nazionale, della sua ricchezza materiale e spirituale: in ultimo della sua democrazia.

Posted in Uncategorized | Leave a comment

The Illuminati of Zion

The Illuminati of Zion vol.1
One of the best and most sold on the Amazon

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Moneta Nostra

MONETA NOSTRA LA MONETA SCRITTURALE

ECCO COME POTRETE PAGARE I VOSTRI DEBITI CREANDO DENARO DAL NULLA

Fondata su studi di economia, è nata la Moneta Scritturale. I suoi teorici stanno conducendo una campagna di sensibilizzazione pubblica sulla base di queste considerazioni: 1) posto che nessuna legge vieta di creare moneta; 2) che i banchieri lo fanno da sempre, forti di un privilegio loro riconosciuto tacitamente dalla politica (asservita) contro il principio di eguaglianza dei cittadini (da noi la Costituzione lo sancisce allart. 3);
ecco che ciascuno dovrebbe avere (ed ha) il diritto di fare quello che fanno i banchieri: creare denaro dal nulla (il denaro non ha più, almeno dal secondo dopo guerra, fondamento nella riserva aurea). Di che cosa si tratta in concreto? Di un modulo, un certificato di creazione di moneta, dove annotare, con tutti i crismi di contabilità, il vostro debito, ad esempio verso lerario o una banca. (Il modulo è fornito dallassociazione Moneta Nostra su FB). Il vostro debito è diciamo 100.000,00 euro, voi scrivete, io sottoscritto, CF, dati anagrafici, etc. Spett.le Banca X, con riferimento al debito di 100.000,00 da me contratto con Voi, con la presente vi rimetto euro 100.000,00 da me creati e ve li bonifico a saldo del relativo debito. E nulla io vi devo più. Da inviare via e-mail, meglio PEC.
In teoria, sul piano giuridico, nessun creditore può rifiutare il vostro certificato monetario, perché leuro è una moneta vigente e non può essere rifiutata.
Naturalmente la Banca dItalia è allarmata ed ha diffuso una nota di diffida verso lauto-creazione monetaria, asserendo che essa non ha valore perché priva di fondamento giuridico (cosa da dimostrare). Sembra anche che la Banca dItalia stia meditando eventuali azioni legali, a titolo di deterrenza.
Ma ecco il ragionamento da fare: posto che liniziativa di Moneta Nostra è, secondo me, un importante atto di disubbidienza civile, inteso a segnalare allopinione pubblica labuso insito nel Sistema Finanziario e (aggiungo) linconsistenza del Debito Pubblico (strumento di sopraffazione dei popoli (come illustro ampiamente, risalendone le origini storiche, nel mio Gli Illuminati di Sion); posto che difficilmente uneconomia potrebbe reggersi su una cittadinanza che emettesse denaro individualmente (qualcosa di simile al tally, la tacca, che circolava in Inghilterra nellAlto Medioevo) -a meno di avere un organo di controllo tecnologicamente evoluto per calmierare linflazione che ne deriverebbe-
Tutto ciò precisato, nessuna Banca Centrale potrebbe tuttavia far fronte a una massa di cittadini (molte migliaia) creatori ed emittenti di moneta in proprio. (Di qui lallarme della Banca dItalia).
E allora, per non far saltare il Sistema (finanziario cioè politico) sul quale si fonda lo Stato, la Grande Finanza dovrebbe venire a patti e riconsiderare i rapporti di forza Monopolio del denaro versus Democrazia- Moneta Nostra è unimpresa altamente e modernamente rivoluzionaria, espressione di un anelito alla Democrazia, quella democrazia che i popoli assopiti hanno purtroppo dimenticato o alla quale hanno rinunciato da decenni. Moneta Nostra è forse unutopia, ma vale la pena cimentarla.

Adriana Zanese

5 nov. 2017

Posted in Uncategorized | Leave a comment

La strage di New York, Chi sono gli Strateghi del Terrore

LA STRAGE DI NEW YORK, CHI SONO GLI STRATEGHI DEL POTERE?
Ieri notte intervenuto nella trasmissione di Rai radio uno Tra poco in edicola, il procuratore nazionale Antiterrorismo Roberti ha parlato di Strateghi del Potere, che vorrebbero instaurare il Califfato in Occidente tramite la strategia del terrore. Io dico, l’ Islam e’ solo una maschera e uno strumento cieco. Cercate dietro di esso e troverete all’opposto, Sion, gli Illuminati. Il vero obiettivo è instaurare il Governo Unico di Sion (lo dimostro diffusamente nel mio noto libro). Gli Illuminati non sono un’invenzione romanzesca, ma una realtà, condivisa da autorevoli opinionisti, sia pure con altri nomi. Il che non esclude che dobbiamo temere l’Islam in quanto tale. Intervenendo nella stessa trasmissione, il politologo Edward Lutwick ha ribadito la pericolosità della dottrina islamica, fondata sulla violenza e la necessità di bloccare l’ingresso degli islamici in Occidente, con ciò dando ragione al presidente Trump. Se ad oggi l’Italia si è salvata dagli attentati lo deve soprattutto al fattore stastistico che noi abbiamo meno islamici degli altri stati europei. Dunque, se non espellere tutti i musulmani, è necessario non farne piu entrare altri. Quanto allo jus soli, è evidente che sarebbe un cavallo di Troia per l’Italia,se si considera che gli attentatori dei paesi europei non sono mai clandestini, ma individui nati e cresciuti in Inghilterra, Francia, Spagna, etc., con tanto di cittadinanza, compreso il terrorista di New York, provvisto di green card, propedeutica alla cittadinanza USA.
Adriana Zanese

Posted in Uncategorized | Leave a comment

Seconda giornata del Festival degli Scrittori Indipendenti venerdì 13 ottobre

Bozza Locandina Festival 2017 full(1)-page-001

Image | Posted on by | Leave a comment