MANCHESTER E IL TABU’ DELLE ORGINI

MANCHESTER, E IL TABU’ DELLE ORIGINI

Adriana Zanese

Un’altra strage di civili innocenti. Fino a quando la politica europea non vedrà e non uscirà dall’equivoco circa le origini identitarie degli islamici di seconda e terza generazione, non sarà possibile comprendere e risolvere il fenomeno del terrorismo islamista in Occidente.
Chiamare i giovani terroristi immigrati “francesi”, “britannici” o “tedeschi”, invece che libanese, egiziano o tunisino, è un errore dettato da una visione materialistica della storia, che nega le radici spirituali della civiltà e fa dell’essere umano un soggetto che agisce sulla base di leggi meccaniche di comportamento e adattamento economico/utilitario all’ambiente; una visione che contraddice e nega l’antropologia culturale classica. Nascere in un dato luogo non può tradursi –e di fatti non si traduce- in un’ identificazione culturale e sentimentale con esso e con la popolazione autoctona.
I tecnocrati europei che propagandano l’integrazione ad ogni costo (linguaggio da neo-schiavismo) farebbero meglio a leggere C.G. Jung, là dove il padre della psicologia analitica e studioso di epopee mitiche, parla di patrimonio “psico-filogenetico” e di “serie degli antenati” come realtà vivente nella coscienza profonda di ogni individuo, che non può perciò essere avulso dalla sua storia, né può esserne privato con un semplice atto di cittadinanza imposto per legge.
Ostinarsi –irrealisticamente (e pelosamente) ad ignorare tutto questo si sta rivelando, e si rivelerà, esiziale per i popoli occidentali, soprattutto in Europa. I giovani terroristi che colpiscono le città dove sono nati e cresciuti non sono dei deviati, degli psicolabili plagiati dalla propaganda jiadista sul web, no: sono semplicemente degli stranieri in terra straniera alla ricerca delle proprie origini identitarie. La radicalizzazione, termine inventato dai massmedia, è una foglia di fico della politica europea e nazionale, per cercare di non vedere la verità: questi giovani nati da immigrati non vogliono subire una identità che non gli appartiene e che sentono loro attribuita con la violenza di una imposizione da Stato etico. Si sentono etnicamente “diversi” e poiché questa diversità (la sola che ci è rimasta) non è ammessa in un’Europa mondialista (che tende a cancellare le civiltà omologandole) allora i giovani immigrati ascoltano la voce profonda della loro storia, della loro civiltà e cercano di seguirla, e seguendola incontrano l’Isis, che –in chiave cruenta- rappresenta per essi un baluardo contro il nemico storico (l’Occidente) e una promessa di riscatto da quella “integrazione” di stampo imperialista e neocoloniale alla quale finiscono per ribellarsi in modo sproporzionato. E non sono soli in questo sentimento; perché, come abbiamo sentito, gli altri giovani, gli occidentali offesi in casa propria, si difendono incendiando una moschea. Non è che l’inizio. Se e quando gli islamici saranno milioni in Europa, esploderanno guerre inter-etniche, quartiere per quartiere. Ma a pagare la cecità (o la malafede) dei governanti chiusi nei loro palazzi, sono purtroppo sempre i popoli, la gente che va per strada. La soluzione allora qual è? Restituire dignità e rispetto alle comunità immigrate creando nei loro paesi di origine le condizioni economiche per farvele ritornare e non costringerle a sradicarsi, a cancellare la propria identità emigrando. Si cominci con un impegno delle Nazioni Unite per far cessare i conflitti in medioriente. Sino ad oggi l’Onu ha dato prova di inerzia (se non di connivenza) con gli interessi dell’apparato industriale bellico (le multinazionali degli armamenti e delle ricostruzioni postbelliche) che indebita all’infinito quei popoli già sottosviluppati; un business che vale parecchi miliardi di dollari. In ultimo, va chiarito che l’odio (reale o presunto) contro l’Occidente imperialista è mal riposto: i popoli occidentali non hanno mai, non solo deciso di depredare l’Africa o l’Oriente, ma non ne hanno nemmeno saputo nulla; i nostri bisnonni sono andati a combattere guerre di conquista coloniale economica come carne da macello per arricchire le loro classi dirigenti (re, e industriali, capi di governo) con la bandiera ingannevole “in nome della patria!”. Precisazione non peregrina, questa, che serve a sfatare un altro mito (propagandato oggi da quelle stesse classi dirigenti) secondo cui noi occidentali –intendendo i popoli- dovremmo sentirci in colpa perché per secoli abbiamo sfruttato i popoli africani e asiatici e perciò abbiamo oggi il dovere di “riparare” accogliendoli illimitatamente; mentre esse –le classi dirigenti- continuano a depredarli oggi come allora arricchendosi (vedi Banca mondiale, Fondo Monetario Internazionale, tutte banche private, prestatric di denaro a interesse, e le multinazionali del lavoro sottopagato) scaricando gli oneri e i disagi su noi, cominciando con le tasse per mantenere i migranti, tagliandoci il welfare, e finendo con il lasciarci saltare in aria, massacrati dai terroristi incautamente accolti. Ultima nota: ma i terroristi come mai non colpiscono mai le grandi banche.

Advertisements

About Adriana Zanese

ADRIANA ZANESE Ha studiato Lettere e Filosofia presso la Facoltà di Lettere dellUniversità La Sapienza di Roma. Regista, sceneggiatrice, soprattutto scrittrice. Storica della Cospirazione Globale. Esperta di letteratura anglo americana. Nel 2015 ha fondato il Movimento Letterario Laltra Letteratura Scrittori Indipendenti che tiene ogni anno un importante Festival della Letteratura dedicato agli scrittori che pubblicano autonomamente sul Web. Il Festival si svolge con la partecipazione di importanti istituzioni pubbliche. Adriana Zanese ha pubblicato: Il Velo di Maya poesie, semifinalista Concorso di poesia di Genova 2012, Editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Yermary, teatro, editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Abduction, teatro, editore ilmiolibro.it (Gruppo Editoriale LEspresso) (2013) e Kindle di Amazon.it (2016); The vanishing lady, script, Editore Lulu.com (2013); Donna dai due volti, script, Editore Lulu.com (2014); Scomparsa, romanzo, Editore ilmiolibro.it (2014) e CreateSpace/Kindle di Amazon.it (2015 e 2016); Gli Illuminati di Sion, saggio storico (due volumi) Edit. CreateSpace e Kindle di Amazon.it. (2017); Adriana Zanese Ha studiato Lettere e Filosofia presso la Facoltà di Lettere dellUniversità La Sapienza di Roma. Regista, sceneggiatrice, soprattutto scrittrice. Storica della Cospirazione Globale. Nel 2015 ha fondato il Movimento Letterario Laltra Letteratura Scrittori Indipendenti che tiene ogni anno un importante Festival della Letteratura dedicato agli scrittori che pubblicano autonomamente sul Web. Il Festival si svolge con la partecipazione di importanti istituzioni pubbliche. Adriana Zanese ha pubblicato: Il Velo di Maya poesie, semifinalista Concorso di poesia di Genova 2012, Editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Yermary, teatro, editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Abduction, teatro, editore ilmiolibro.it (Gruppo Editoriale LEspresso) (2013) e Kindle di Amazon.it (2016); The vanishing lady, script, Editore Lulu.com (2013); Donna dai due volti, script, Editore Lulu.com (2014); Scomparsa, romanzo, Editore ilmiolibro.it (2014) e CreateSpace/Kindle di Amazon.it (2015 e 2016); Gli Illuminati di Sion, saggio storico (due volumi) Edit. CreateSpace e Kindle di Amazon.it. (20Letteraturarialista, intellettuale dissidente, leader del movimento letterario L'ALTRA LETTERATURA SCRITTORI INDIPENDENTI. Inventrice della Rassegna letteraria del selfpublishing sul web, L'Altra Letteratura , che si tiene ogni anno a Roma in sedi istituzionali.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

One Response to MANCHESTER E IL TABU’ DELLE ORGINI

  1. Per coloro che hanno dimenticato che cosa è la Letteratura queste riflessioni sono un prezioso contributo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s