LA DITTATURA EUROPEA (recensione)

 

L’EUROPA E’ UNA DITTATURA ? 

 

di Adriana Zanese

” Nel libro dell’antropologa Ida Magli una tesi inquietante che fa discutere e riceve simpatie anche nella sinistra europeista , complice la crisi economica “

Il libro è uscito nel dicembre 2010. Dopo le recensioni sulla stampa di destra, negli ultimi mesi sta riempiendo anche le pagine e i siti dei giornali della sinistra extraparlamentare (incluso il blog di Grillo), che già europeista sembra trovare neLa Dittatura Europeaun riscontro all’immagine di una Ue ormai identificatasi conla Bcee l’Fmi ispirati dalla politica mercatista (Deutschland uber alles) della cancelliera Merkel (o è il contrario?). Magli comincia da lontano, dal mitteleuropeo Richard Coudenhove Kalergi e dal suo progetto di una paneuropa, agli inizi del 900, che dopo aver attraversato due guerre mondiali sarebbe ora in stato di avanzato compimento. Il Progetto, in realtà più ampio, è quello di un Nuovo Ordine Mondiale basato su una Federazione di Stati a guida statunitense. L’Unione europea ne era certo il passo imprescindibile. Ma essa nasce con due talloni di Achille: uno  l’aver assunto gli Usa a modello federativo e guida, l’altro la mondializzazione. Rivelatore è il simbolo sulla copertina del libro-manifesto di Kalergi, Paneuropa (1923), una croce rossa emblema dei Rosacroce (la celebre società massonica medievale) a statuire la trama settaria, segreta, del disegno europeo; che ebbe subito importanti adesioni fra intellettuali, politici e soprattutto finanzieri dell’epoca, notoriamente massoni. Finitala IIguerra mondiale il Progetto si preciserà col nome di Atlantismo (Roosvelt, Churchill), i cui obiettivi erano: indebolimento politico degli Stati europei tramite l’istituzione di una Unione europea priva di consistenza politica, appendice degli Usa dominatore dell’ Occidente. Di qui poi la dottrina della globalizzazione salvifica e “necessaria” diffusa nei media a tamburo battente, l’integrazione –imposta agli europei- delle culture, delle religioni, con l’immissione massiccia (spalancate le frontiere) di un’immigrazione esogena volta a cancellare le identità, le storie –e con ciò più facilmente- la libertà dei popoli europei. (chi non ha storia non ha identità, il suo io è più debole, acritico e dunque remissivo, insegna la psicologia; ndr).  Atlantismo che ha trovato un terreno favorevole (e forse vi ha concorso) nella caduta delle ideologie politiche e filosofico-morali, lanciando il “relativismo culturale”, in modo che una cosa sola restasse e più forte di prima, <<tanto da apparire necessaria persino ai sudditi: la struttura del potere che deve appunto sorvegliare il disordine, costringerlo nella direzione giusta>>. Sono, scrive l’Autrice, le premesse teoriche della Ue e della filosofia massonica mondializzatrice. In questo quadro i politici sono succubi e/o complici di forze finanziarie schiaccianti, i banchieri, la grande industria, da sempre sponsors entusiasti dell’idea mondialista, il cui interesse nell’abbattere confini e dogane è quello di ampliare l’area dei mercati (costruendo un mondo senza geografia né storia, abitato di masse indifferenziate di consumatori-assoggettati; ndr). Il Progetto totalitario globale ed europeo, coi suoi ingenti interessi economici, sarebbe (è) abilmente dissimulato dietro istituzioni di facciata: il Parlamento europeo, privo di poteri legislativi,la Commissione(eletta da nessuno) che emette direttive in modo autoritativo e commina sanzioni inappellabili, sembrando ispirata da una logica punitiva, corroborata dai consigli-ukaze ormai di carattere politico che Bce ed Fmi propinano agli Stati. L’europeismo atlantista mise la sua ipoteca sulla nazione chiave dell’Europa, l’Italia, sin dal 1947, inserendo nella nostra Costituzione il divieto di referendum in materia fiscale e di politica estera, con ciò negando i capisaldi della sovranità popolare. Mala Ueè soprattutto nella sua propaganda –la political correctness- fatta di parole d’ordine rassicuranti quanto mistificatrici: diritti umani, esportazione della democrazia, fratellanza universale, equità; che rimandano alla strategia linguistica del Ministero della Verità orwelliano, il quale mentre cancellava il Passato e lodava la menzogna, condannava la verità come ingiusta. Ci permettiamo di aggiungere, per concludere (su un saggio che ci illumina su molto altro) che in questa Europa i potentati invisibili, ma pressanti, sono più raffinati nell’invertire significanti e significati, chiamando verità la menzogna, democrazia la camicia di forza nella quale stanno gradualmente ma fermamente costringendo i popoli, intimando loro di obbedire, di sacrificarsi (agli squali intoccabili della Speculazione internazionale) o “tutto andrà peggio”. E il tono dimesso, gentile, paterno (ma ricattatorio) non deve trarre in inganno: è solo la moderna maschera benedicente da un colle, pietosa, -che si commuove persino- di un Potere antico, oggi più temibile di quello manifestamente brutale (in stivaloni e littorio o croce sanscrita) che la storia ci tramanda, perché più capace –questo- di persuaderci ipno-mediaticamente che il suo bene è anche il nostro.

 

  

Advertisements

About Adriana Zanese

ADRIANA ZANESE Ha studiato Lettere e Filosofia presso la Facoltà di Lettere dellUniversità La Sapienza di Roma. Regista, sceneggiatrice, soprattutto scrittrice. Storica della Cospirazione Globale. Esperta di letteratura anglo americana. Nel 2015 ha fondato il Movimento Letterario Laltra Letteratura Scrittori Indipendenti che tiene ogni anno un importante Festival della Letteratura dedicato agli scrittori che pubblicano autonomamente sul Web. Il Festival si svolge con la partecipazione di importanti istituzioni pubbliche. Adriana Zanese ha pubblicato: Il Velo di Maya poesie, semifinalista Concorso di poesia di Genova 2012, Editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Yermary, teatro, editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Abduction, teatro, editore ilmiolibro.it (Gruppo Editoriale LEspresso) (2013) e Kindle di Amazon.it (2016); The vanishing lady, script, Editore Lulu.com (2013); Donna dai due volti, script, Editore Lulu.com (2014); Scomparsa, romanzo, Editore ilmiolibro.it (2014) e CreateSpace/Kindle di Amazon.it (2015 e 2016); Gli Illuminati di Sion, saggio storico (due volumi) Edit. CreateSpace e Kindle di Amazon.it. (2017); Adriana Zanese Ha studiato Lettere e Filosofia presso la Facoltà di Lettere dellUniversità La Sapienza di Roma. Regista, sceneggiatrice, soprattutto scrittrice. Storica della Cospirazione Globale. Nel 2015 ha fondato il Movimento Letterario Laltra Letteratura Scrittori Indipendenti che tiene ogni anno un importante Festival della Letteratura dedicato agli scrittori che pubblicano autonomamente sul Web. Il Festival si svolge con la partecipazione di importanti istituzioni pubbliche. Adriana Zanese ha pubblicato: Il Velo di Maya poesie, semifinalista Concorso di poesia di Genova 2012, Editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Yermary, teatro, editore ilmiolibro.it/Feltrinelli (2012); Abduction, teatro, editore ilmiolibro.it (Gruppo Editoriale LEspresso) (2013) e Kindle di Amazon.it (2016); The vanishing lady, script, Editore Lulu.com (2013); Donna dai due volti, script, Editore Lulu.com (2014); Scomparsa, romanzo, Editore ilmiolibro.it (2014) e CreateSpace/Kindle di Amazon.it (2015 e 2016); Gli Illuminati di Sion, saggio storico (due volumi) Edit. CreateSpace e Kindle di Amazon.it. (20Letteraturarialista, intellettuale dissidente, leader del movimento letterario L'ALTRA LETTERATURA SCRITTORI INDIPENDENTI. Inventrice della Rassegna letteraria del selfpublishing sul web, L'Altra Letteratura , che si tiene ogni anno a Roma in sedi istituzionali.
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s